Anello Cima Campanella – Cima Caldiera – Ortigara

20160826_125138Iniziare una pagina dedicata a quest’escursione non è facile, troppe emozioni, troppa tragicità, troppa incredulità in sole 4 ore di cammino. Credo che pochi altri percorsi possano evidenziare meglio l’innata drammaticità che contraddistingue la nostra Nazione, uomini che salgono al paradiso delle eccellenze con la stessa facilità con cui vanno al massacro.

Si parte da Piazzale Lozze e lasciando il parcheggio alle spalle si prende il sentiero alla destra. Dopo un primo tratto di bosco si inizia il cammino sulla stradina di pietre che vi accompagnerà fino alla Caldiera. I primi tornanti sono molto ripidi e vanno presi con la dovuta calma, già in questo tratto si godrà (soprattutto alla vostra destra) di una visuale d’eccezione sulle montagne di nord-est. Terminata la salita si accede all’area sud-est della Caldiera, la zona è contraddistinta da pesanti opere umane che dovevano garantire il supporto alla prima linea poco oltre.

On the trail to #CimaCampanella. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

On the trail to #CimaCaldiera. #nofilter #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

Southern east of #cimacaldiera. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

Southern east of #cimacaldiera. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

Poco prima di Cima Caldiera, salendo l’ultima rampa noterete sulla destra una piccola tabella che richiama all’osservatorio in caverna (Osservatorio Torino), è molto vicino, forse 100 metri ma vi consiglio di fare questa deviazione (ritornando per la stessa via a meno che non siate molto esperti), quello che vedrete probabilmente vi accompagnerà per la vita. (N.B. se volete salire al secondo punto d’osservazione, tenetevi saldamente al corrimano in corda, gli scalini sono spesso umidi e potenzialmente scivolosi).

#OsservatorioTorino #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

Landscape from #OsservatorioTorino. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

#Valsugana from #OsservatorioTorino. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

Per chi vuole, l’ascesa a Cima Caldiera si inizia sulla sinistra, il sentiero è breve e ben battuto, secondo me vale la pena abbandonare la traccia gps per un momento.

Trail to #CimaCaldiera. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

#CimaCaldiera #hiking #ww1 #nofilters

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

#CimaOrtigara in front of #CimaCaldiera. ##hiking #ortigara #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

La discesa che dalla Caldiera avvicina alla salita per l’Ortigara è abbastanza scoscesa e va quindi affrontata con perizia. Dopo un piccolo tratto in falsopiano parte la ripa salita attrezzata con corrimani e scalini che vi porterà in direttissima sull’Ortigara.
Il paesaggio sulla cima è abbastanza “lunare” e tipico delle zone carsiche, nel suo silenzio e nella sua vastità si percepisce la drammaticità di cui parlavo all’inizio. Soste obbligate al cippo austriaco e alla colonna mozza italiana.

On the top of #ortigara #CimaOrtigara. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

#austrian gravestone on the top of #Ortigara. #CimaOrtigara #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

Italian gravestone on the top of #Ortigara. #CimaOrtigara #ww1 #hiking

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

Alla ripartenza si scende verso il Baito Ortigara (piccolo rifugio) e poi verso la chiesetta del Lozze e il rifugio Cecchin.

Near #RifugioCecchin. #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

#ChiesettadelLozze #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

>

#ChiesettadelLozze #hiking #ww1

Una foto pubblicata da Gimo De Faveri (@gimodefaveri) in data:

L’intero percorso, compreso di soste e affrontato da persone allenate ha un tempo di percorrenza di poco meno di 4 ore. Non è difficile in termini di dislivello, ma presenta alcuni tratti impegnativi (primi tornanti in salita, discesa della Caldiera, salita attrezzata dell’Ortigara), basta affrontarlo con coscienza e con la dovuta calma.
Se decidete di percorrerla in periodo estivo, anche se non dovrebbe mai mancare, vi suggerisco caldamente: crema solare e abbondante acqua (meglio riportarne una bottiglia piena che patire la sete).


N.B. avvicinandosi a Piazzale Lozze, subito dopo Campomuletto, la strada diventa sterrata e con un fondo di pietra per diversi chilometri. Se siete maniaci dell’auto, se avete assetti rigidi, tenetene conto!

Questa volta non c’è il link a ViewRanger perchè ho aggiunto alcuni fuori traccia in campo aperto e non vorrei creare confusione o peggio.
Il più affidabile è quello di MagicoVeneto© : http://www.magicoveneto.it/Altipian/Ortigara/Gps-Altopiano-Ortigara.zip al quale aggiungerei soltanto le deviazioni per l’osservatorio in caverna (Osservatorio Torino) e per la Cima Caldiera. (ovviamente il file è importabile su ViewRanger).

Link alla galleria foto completa: https://goo.gl/photos/Ksbqv24ZEqytsAaw6