IL Miele – Carlo Amodeo

logo1Alcuni alimenti entrano nelle nostre case e vengono relegati a semplici automatismi, provate ad esempio a pensare al sale e al pepe. Spesso non ci curiamo della loro qualità perchè tanto: “ce ne va poco”, “sono tutti uguali”, oppure perchè gli stessi articoli classificati “d’eccellenza” costano sensibilmente di più.
Credo che anche per il miele possa valere la stessa regola, ho provato diversi mieli, di svariate zone d’Italia, ma li ho trovati sempre abbastanza anonimi, i profili organolettici delle varie schede tecniche prospettavano ventagli aromatici immediatamente tramontati all’apertura del vasetto. Ho accettato la questione passivamente perchè comunque non rappresentava mai l’elemento fondamentale di un pasto, era un “contorno” che purtroppo non meritava una ricerca più approfondita.
Questo finchè non mi ha incuriosito la storia di Carlo Amodeo, apicoltore in Sicilia che da circa vent’anni lavora per la salvaguardia dell’ape sicula, opera giustamente premiata dal Presidio Slow Food.
Come sempre mi sono documentato e ho poi acquistato tre mieli: eucalipto, cardo e carrubo. Le aspettative erano molto alte viste le piacevoli descrizioni presentate.
Una volta ricevuti confesso di essere stato molto colpito dall’eucalipto e dal carrubo e meno dal cardo che mi è sembrato “normale”. Purtroppo però ho applicato a questo prodotto lo stesso approccio che normalmente si usa per il vino: dal più esile al più potente. Per caso invece un giorno ho invertito l’ordine (spero di aver fatto bene) e fu così che il cardo esplose in un campo fiorito sotto il mio naso, avete presente quel profumo che è impossbile non immaginare guardando i quadri di Monet?
L’eucalipto mi ha conquistato con il gusto che ricorda molto il profumo della cera vergine, intenso ma non stucchevole.
Il carrubo invece lo considero come un vino d’annata, di difficilissima produzione essendo un miele invernale, racchiude la complessità aromatica tipica degli ingredienti siciliani. Prodotti che maturano in una terra opulenta che conferisce loro profumi, fragranza e gusto inarrivabili per gran parte delle altre regioni italiane. Il gusto iniziale rimanda al tipico frutto per poi spostarsi su caramella toffee, sentori di liquirizia, caffè e frutta secca.

Caratteristiche peculiari dell’ape sicula prese direttamente dal sito del produttore:
* L’ape sicula ha una maggiore varianza genetica rispetto ad ogni altra sottospecie di ape mellifera Europea, ciò è dovuto alle sue origini Africane. Per varianza genetica si intende un maggior numero di geni che garantiscono una maggiore reattività rispetto ad ogni possibile problematica.

* Sviluppo precoce della covata anche 8 o 9 telaini tra dicembre e gennaio, ciò consente di avere api giovani, quindi maggiore durata e dinamicità rispetto alla ligustica ed altre api nordiche, che hanno il blocco di covata invernale.

* Ape richiesta dai serricoltori per l’impollinazione delle colture protette (angurie, cantalupi, fragole ecc..) essendo nella sua rusticità attiva e funzionale nelle situazioni estreme dei tunnels, nei quali dagli 0° gradi della notte possono seguire i 40° gradi del giorno.

* È dimostrato che in ogni alveare soltanto un’esigua parte delle api esce a bottinare e di queste soltanto il 20% circa raccoglie il polline e quindi solo queste sono in grado di impollinare il fiore. Essendo il polline necessario al sostentamento della covata ed avendo l’Ape sicula abbondante covata tutto l’anno, molte più api vengono impiegate per la raccolta del polline, ciò comporta che a parità di bottinatrici le Api sicule riescono ad impollinare superfici maggiori di colture.

* L’Ape sicula ha consumi di miele molto ridotti, ciò consente a parità di scorte di miele una maggiore probabilità di sopravvivenza del cassettino.

* Forte capacità di autodifesa, in venticinque anni di lavoro con l’ape sicula e con la sicula f1 non mi è mai successo che un’arnia o un nucleo con regina si lasciassero saccheggiare.

Per tutto le altre informazioni Vi rimando al sito http://amodeocarlo.com

Un plauso infine al servizio sempre eccelso del negozio online Olico.it!

Satispay

app-icon
Ieri sera con il “buon” Barisoni su Radio24 ho avuto modo di ascoltare l’intervista ad Alberto Dalmasso, co-fondatore di Satispay.
Cos’è Satispay? Satispay è un sistema di pagamento indipendente dai circuiti tradizionali e che potrebbe mettere finalmente d’accordo consumatori e negozianti.
Per i primi è totalmente gratuito, per i secondi invece ha delle commissioni davvero irrisorie se paragonate a quelle delle carte di credito, la soglia infatti è di 10 Euro, 0 spese per transazioni inferiori, 0,20 fissi per movimenti superiori. Finalmente potremo pagare anche noi il caffè senza usare i contanti, come avviene già nei bar vicino alla Bocconi e in altre migliaia di strutture che hanno già aderito.
Il sistema si basa sull’IBAN bancario anzichè su una carta secondaria, questa caratteristica conferisce la più totale sicurezza visto che il solo codice IBAN non può essere utilizzato per generare pagamenti (a differenza del numero di carta di credito).
Anche la gestione in mobilità rappresenta un plus per chiunque, soprattutto per i negozianti che non sono costretti a rifiutare (o a mandare il cliente al bancomat) in situazioni di vendita fuori azienda.
Spero che questo articolo vi abbia incuriosito e che vogliate approfondire visitando il sito https://www.satispay.com/it/.
Ricordate sempre: #DoItSmart!

logo2-red-rgb

Podcast Focus Economia con l’intervista ad Alberto Dalmasso

Chiusura “Alta Fermentazione”

Con la Willi’s Forest si chiude la stagione delle birre ad alta fermentazione. Come ogni anno con settembre si pongono a momentaneo riposo tutte le attrezzature in attesa della fredda stagione e delle sue birre a “bassa fermentazione”. Un ciclo che si perde nella notte dei tempi e che soltanto gli homebrewer riescono ad apprezzare completamente.
Lasciamo quindi maturare le quattro estive e diamoci un arrivederci!

jm40smallRAMMWF